icon-facebookicon-youtubeicon-email
logo

LA LUNA STASERA E’ BLU

Luogo dell’evento: Ex Refettorio delle Monache, Istituto Storico Parri – Museo della Resistenza, Via San Isaia 20, Bologna

Data dell’evento: dal 13 ottobre al 20 ottobre 2018

Vernice: sabato 13 ottobre 2018, da ore 18.00 alle 21

Casagallery Itinerante, presenta, nella XIV Giornata del Contemporaneo – AMACI –

la seconda mostra personale di GIULIA BONORA, con l’esposizione di una serie di ceramiche realizzate durante la residenza Sundaymorning@ekwc, European Ceramic Work Centre, a cui l’artista ha partecipato nell’estate 2017-2018.

A cura di Claudio Rosi
Organizzazione e comunicazione di Barbara Ceciliato
Testo critico di Grazia Tassi

 

         

 

Il blu ingobbio, liquido e acquoso, o più pastoso e opaco, colore estraneo al cibo, riveste come tinta del profondo, dello spirito e dell’inconscio, le opere di Giulia Bonora. Parti di forme, di strutture nate prima come prototipi di tavole alimentari per divenire poi sculture, create per custodire, per accogliere, per nascondere il cibo e rivelare il concetto stesso che lo lega alla sua ricerca: dall’azione primitiva umana della caccia a quella più recente del rapporto complesso, viscerale e personale tra l’alimento e l’individuo, tra un’attività comune, collettiva e la rivelazione privatissima di chi siamo, noi e l’artista stessa.

L’esposizione, dunque, di elementi, di segni, di sintagmi in scultura, per Bonora nati sempre prima nel progetto e dal disegno, come ad indicare un alfabeto linguistico, nel corso del tempo, quello dello sviluppo tecnico e quello soprattutto dell’osservazione emotiva di sé, porta i frammenti delle singole parti, al confronto, al contatto l’una con l’altra, al fraseggio, al suggerimento di divenire un tutto, ad essere l’incipit di un discorso futuro, successivo, fluente e scorrevole, di una scultura autonoma, libera dai supporti, più organica, di cui si ha una traccia qui nella forma naturale e imperfetta della luna.

E, ispirata dallo scrittore giapponese Natsume Sōseki, secondo il quale la traduzione letterale dell’espressione “Ti amo” è “La luna stasera è blu”, Giulia Bonora ci invita a leggere in maniera meno tecnica i suoi segni espressivi, ad indulgere verso un’interpretazione più libera e poetica, scivolando dalla sintesi del suo alfabeto, verso la fluidità accogliente e sinuosa del suo prossimo racconto per forme.

Grazia Tassi