icon-facebookicon-youtubeicon-email
logo

Conversazioni: il nuovo Catalogo di Casagallery Itinerante presentato alla Fondazione Carlo Gajani

via De’ Castagnoli, 14 - Bologna. Venerdi 26 febbraio 2016 - ore 17,30.

logo-accademia-belle-arti-bologna-2015 logo-fondazione-carlo-gajani

Nella sede della Fondazione Carlo Gajani, dove, a gennaio del 2015, con la mostra ANTEPRIMA: ESERCITAZIONI in CORSO, gli “artist run space” di Casagallery Itinerante avevano dialogato con “la memoria e le opere della casa dell’Artista”, in occasione della
partecipazione agli eventi espositivi di ART CITY – Arte Fiera Bologna 2015, si prosegue l’attività di collaborazione.

Gli stessi “artisti dialoganti” di un anno prima, i curatori della mostra, Barbara Ceciliato e Claudio Rosi, e lo staff della Fondazione C.Gajani, sono i protagonisti della presentazione del nuovo catalogo e video di Casagallery Itinerante.

Partecipano Alessandra Chiarini e Anna Gorchakovskaya.

Un racconto di mostre ed eventi per immagini e narrazioni, che descrive un anno d’Intensa attività del “site specific” Casagallery, partendo da inizio 2015, e ritornando nel 2016, in Via De’ Castagnoli 14, con proiezioni di video e sonori, tramite i quali coinvolgere un pubblico d’amici e invitati.

 

 

CONVERSAZIONI

Un singolare intreccio di spazio e di tempo, di passato e di presente, ma anche un luogo di incontro tra la dimensione quotidiana e l’esperienza estetica. È così che si presenta la sede della Fondazione Carlo Gajani, la casa-studio del fotografo e pittore scomparso nel 2009, dove i visitatori sono invogliati a immergersi nell’ambiente vissuto dall’artista. Casagallery Itinerante ha colto il potenziale dialettico di questo luogo per dar vita alle proprie “Conversazioni”, momenti di scambio e di conoscenza volti a produrre un punto di congiuntura tra l’operato di giovani artisti e la sensibilità degli spettatori.

 

 

Un anno di esposizioni e attività raccolte nel nuovo Catalogo del “site specific” Casagallery è stato commentato da protagonisti e collaboratori presso l’appartamento bolognese di Via Dé Castagnoli. In particolare, ciò che è emerso a mio avviso dalle loro testimonianze è come un insieme molteplice di linguaggi espressivi – sostenuto dalla presenza di artisti variamente impegnati nella fotografia, nella performance, nel video e nell’installazione, così come nel disegno e nella scultura – possa trovare un denominatore comune in una concezione della ricerca artistica decisa a riflettere sul presente e a lanciare, tuttavia, uno sguardo dialogico verso il passato e la memoria. La dimensione del tempo, intesa dunque come proteiforme e pervasiva, giunge allora a irradiarsi nello spazio per produrre in sinergia con esso intense configurazioni emotive e semantiche tese a stimolare l’esperienzialità del fruitore. Il video di documentazione della mostra “Esercitazioni dalla prima”, proiettato nel corso delle Conversazioni, ha esibito una serie di esempi suggestivi in grado di illustrare una simile possibilità. L’esposizione, allestita presso l’Istituto Storico Parri di Bologna dal 20 maggio al 13 giugno 2015, rappresenta uno degli eventi più significativi realizzati lo scorso anno da Casagallery Itinerante.

 

 

“Esercitazioni dalla Prima” ha colto l’occasione del centenario della Grande Guerra per affrontare il tema della violenza collettiva tra ieri e oggi. Ponendo in risalto, attraverso la pluralità dei linguaggi artistici, tutta una serie di questioni che, nostro malgrado, ricorrono drammaticamente ora come allora – dai fondamentalismi alle restrizioni delle libertà personali, dai nazionalismi alla messa in discussione della democrazia – l’esposizione impiega la storia come strumento critico per osservare sotto una nuova luce il presente. Concepite come luoghi di incontro tra memoria e soggetto, le opere in mostra si fanno “piattaforme” di scambio tra tensioni molteplici e individualità particolari, conducendo lo spettatore verso una maggiore consapevolezza di ciò che lo circonda e, soprattutto, verso una percezione più profonda del valore “multivoco” del tempo esaltato dall’esperienza estetica.

 

 

Nel raccontare i lavori e gli eventi prodotti da Casagallery Itinerante nel 2015, le Conversazioni presso Fondazione C.Gajani hanno rappresentato un’importante occasione di confronto capace, inoltre, di evidenziare il ruolo dell’arte come opportunità di coinvolgimento diretto del quotidiano nell’esperienza creativa.

(Alessandra Chiarini)